Le guide scritte su Ethernaly.it sono a scopo didattico/informativo. Ethernaly.it e l' autore non sono responsabili dell'utilizzo della guida/materiali fatto da parte degli utenti.
Linux it_photo_153796_52

Published on febbraio 6th, 2011 | by Ethernaly

7

[Server] HP DL 360 G7 – Recensione e compatibilità

CARATTERISTICHE:
•RAM 192 GB installabili
•8 Unità disco installabili (2.5″)
•2 Processori (1 di default): Intel® Xeon® 5500 series
•Formato rack : 1U ILO Smart Array P410i
CARATTERISTICHE SERVER TEST
•RAM 8 GB
•4x500GB Sata 2.5″
•2 Processori Intel® Xeon® 5500 Quad Core
•Formato rack : 1U
•4 Schede di rete 10/100/1000
•Alimentazione ridondata (2 alimentatori)
•ILO Smart Array P410i

UNBOXING
Il server arriva in una scatola dalle dimensioni contenute (tenendo presente le dimensioni del server e il suo peso).
All’interno troviamo:
•Server DL-360 G7
•Manuali e CD vari
•Guide per armadi RACK
•Cavi di alimentazione
•Mascherine aggiuntive
•Protezioni per il trasporto
•Piccoli altri gadget

CONSIDERAZIONI
Il server esteticamente, non differisce molto dai suoi predecessori (es. G5 o G6).
Il rumore è davvero molto contenuto, anche mettendo sotto stress la macchina, e causando quindi un aumento nella rotazione, messo a paragone con un server di pari livello NEC risulta essere meno rumoroso.
Risulta essere anche un ottimo compromesso per la virtualizzazione con, ad esempio, vmware esxi.

La compatibilità con Windows Server 2008, risulta essere certificata dalla stessa HP, così come Red Hat e Suse (in alcune loro specifiche versioni). Personalmente, ho fatto alcuni test con Ubuntu, e posso concludere che:
– Ubuntu 8.04 LTS Server Edition 64bit, risulta essere NON compatibile con la versione G7 del DL-360.
– Ubuntu 10.10 Server Edition 64bit, risulta essere compatibile con la versione G7 del DL-360.

L’installazione di Maverick, procede velocemente, e l’HP Smart Array non crea problemi con il riconoscimento dei dischi. La reattività del sistema è davvero eccellente, così come le prestazioni disco in lettura e scrittura.

Unica pecca del DL-360 G7, è la lentezza nella fase iniziale di caricamento. Prima di eseguire il boot del sistema (tra le altre cose, boot del sistema. velocissimo), perde parecchio tempo in controlli e caricamento dei software integrati HP.

HDPARM
Opzione -t :
Timing buffered disk reads: 340 MB in 3.00 seconds = 113.23 MB/sec
Opzione -T:
Timing cached reads: 17098 MB in 2.00 seconds = 8556.59 MB/sec


LINPACK (clicca sull’immagine per ingrandire)
Test e risultati:

linpack_test_riassuntivo

Processi:

processi linpack 64bit


WRITE SPEED
dd count=1k bs=1M if=/dev/zero of=/opt/test.img
1073741824 bytes (1.1 GB) copied, 1.05293 s, 1.0 GB/s


NETPERF 100Mbit/s
Throughput 10^6bits/sec
98.51 Mbit/s


UPDATE:
Aggiunto test HDPARM.
Aggiunto test LINPACK.
Aggiunto test NETPERF (la macchina due su cui è stato testato ha una scheda di rete 10/100, quindi non è stato possibile testare per il momento, la 1000)
Altri test in arrivo.

[Server] HP DL 360 G7 – Recensione e compatibilità Ethernaly

Voto Finale:

Potenza:
Calore Dissipato:
Facilità di Utilizzo:
Peso:

Summary: Le prestazioni del server sono davvero eccellenti, in grado di svolgere egregiamente qualsiasi attività per la medio/grossa impresa. Sicuramente indicato per webapp JAVA, server web e gestionali.

4.5

Molto Buono


Tags: , , ,


Offri una birra all'autore

Clicca sul pulsante "Donazione" ed offri una birra o un po' di sushi all'autore!


About the Author

Ethernaly informatico per passione e lavoro, si interessa alle nuove tecnologie e al mondo underground legato all'informatica; amante del dobermann (attualmente ne ha 3) e della buona cucina, è - in ogni campo di interesse - mosso da grande curiosità.



Prima di commentare:

Prima di commentare leggere il nostro Disclaimer


7 Responses to [Server] HP DL 360 G7 – Recensione e compatibilità

  1. Ethernaly ITALY Google Chrome Mac OS says:

    No, non ho testato Debian 6.0. (neanche privatamente)

    A lavoro, i SO server che utilizziamo sono:
    Ubuntu server 8.04 / 10.10 (64bit/32bit)
    CentOS
    Debian 5.0 Lenny

    Visto comunque la potenza di calcolo e la dotazione di ben 4 Schede di rete gigabit, il server potrebbe anche essere configurato come Load Balancer (LVS).

    Ciao!

  2. Michele UNITED STATES Mozilla Firefox Windows says:

    La mia era una domanda da ignorante, non ho mai avuto il piacere di metter le mani su un server e i servizi gestibili da tali macchine.
    Hai provato con Debian? E’ uscita la stable da un paio di giorni.

  3. Ethernaly ITALY Google Chrome Mac OS says:

    Ciao SysD,

    alla prima domanda purtroppo non si può dare una risposta universale e oggettiva. Dipende molto da che macchine virtuali crei, quante risorse gli applicativi che installi richiedono.
    Io ad esempio un vecchio DL-360 G5 lo sfrutto abbastanza con 8macchine virtuali (tutte con OS Linux). Gli applicativi che girano su quelle macchine sono tutte web app, o software java. Oltre che i classici webserver (apache2 e lighttpd) e java web application server (tomcat e resin).

    La ILO funziona, anche se non è quella con tutte le caratteristiche attive. (si paga decisamente di più per averla).

    Gli altri usi… beh vediamo, sicuramente è un ottimo server per la compilazione di pacchetti (ad esempio attraverso ad un classico Continuum) o come encoder (encoding video/audio ad alta definizione).

    Ciao

  4. SysD CANADA Google Chrome Linux says:

    Ciao, quante macchine puoi virtualizzare con un server simile? La ILO funziona bene?
    Che altri usi consiglieresti?

  5. Ethernaly ITALY Google Chrome Mac OS says:

    Ciao, volentieri. Ho iniziato ad aggiungere il test hdparm, appena ho una decina di minuti faccio altri test.
    Se vuoi sapere qualcosa di specifico fammelo sapere!

    Ciao e grazie del commento

    edit.
    aggiunto anche linpack
    aggiunto anche write speed
    aggiunto anche il netperf (100Mbit/s)

  6. Michele UNITED STATES Mozilla Firefox Windows says:

    oltre alle tue impressioni potresti aggiungere dei test software?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Back to Top ↑